You are currently viewing the Australia version of the site.
Would you like to switch to your local site?
  
Latest Issue

Automobilismo d'Epoca Magazine Automobilismo d'Epoca 5 2013 Back Issue

Italian 0 Reviews   •  Italian   •   Aviation & Transport (Automotive)
Motore V12 da 4,5 litri e 340 CV, peso sotto la tonnellata, tre esemplari prodotti: la Ferrari berlinetta 340/375, fatta per correre a Le Mans, è una delle auto più estreme di Maranello. Anche più della GTO, nata dieci anni dopo. Qui si parla del 1953, con tutte le implicazioni riguardanti freni e telaio. E l’aerodinamica, che quest’auto cominciò a portare alla ribalta, sia pur, ancora, soltanto in termini di resistenza all’avanzamento. Con tutti quei CV, non poteva essere lenta. Una macchina che ha un significato importante nella storia del Cavallino.
Anche la storia dell’Autodelta è un argomento degno della prima pagina; soprattutto in occasione dei 50 anni dalla fondazione. Ne sono passati trenta dalla chiusura, eppure il marchio da corsa dell’Alfa Romeo è ben impresso ancora oggi nell’immaginario degli appassionati.
Protagonista della guida all’acquisto di maggio è la NSU RO 80, auto molto particolare sotto vari punti di vista. Prima di tutto perché monta un motore Wankel; poi perché vinse il premio di auto dell’anno nel 1968, anno fatidico; infine, perché da quest’auto origina il concetto di tecnica all’avanguardia all’origine delle Audi moderne.
La Maserati Ghibli Spider SS 4.9 si può considerare la summa dei valori automobilistici della Casa: stile magnifico, meccanica sopraffina, carattere morbido e grintoso. Una vera GT, ma scoperta. E anche una rarità, specie nelle condizioni di questo esemplare.
Chi invece faceva della grinta la quasi unica prerogativa era l’Abarth, di cui presentiamo questo mese due rari modelli carrozzati Zagato: la 750 Coupé e la 850 Record Monza.
L’Alfa Romeo Alfa 33 fu l’erede diretta dell’Alfasud. Come quest’ultima, era costruita a Pomigliano d’Arco e aveva il valido quattro cilindri boxer; come l’Alfasud, ha avuto eccellenti versioni sportive, le Quadrifoglio Verde, a cui all’apice dello sviluppo si aggiunse la Permanent, grintosissima a trazione integrale.
read more read less

Automobilismo d'Epoca

Automobilismo d'Epoca 5 2013 Motore V12 da 4,5 litri e 340 CV, peso sotto la tonnellata, tre esemplari prodotti: la Ferrari berlinetta 340/375, fatta per correre a Le Mans, è una delle auto più estreme di Maranello. Anche più della GTO, nata dieci anni dopo. Qui si parla del 1953, con tutte le implicazioni riguardanti freni e telaio. E l’aerodinamica, che quest’auto cominciò a portare alla ribalta, sia pur, ancora, soltanto in termini di resistenza all’avanzamento. Con tutti quei CV, non poteva essere lenta. Una macchina che ha un significato importante nella storia del Cavallino. Anche la storia dell’Autodelta è un argomento degno della prima pagina; soprattutto in occasione dei 50 anni dalla fondazione. Ne sono passati trenta dalla chiusura, eppure il marchio da corsa dell’Alfa Romeo è ben impresso ancora oggi nell’immaginario degli appassionati. Protagonista della guida all’acquisto di maggio è la NSU RO 80, auto molto particolare sotto vari punti di vista. Prima di tutto perché monta un motore Wankel; poi perché vinse il premio di auto dell’anno nel 1968, anno fatidico; infine, perché da quest’auto origina il concetto di tecnica all’avanguardia all’origine delle Audi moderne. La Maserati Ghibli Spider SS 4.9 si può considerare la summa dei valori automobilistici della Casa: stile magnifico, meccanica sopraffina, carattere morbido e grintoso. Una vera GT, ma scoperta. E anche una rarità, specie nelle condizioni di questo esemplare. Chi invece faceva della grinta la quasi unica prerogativa era l’Abarth, di cui presentiamo questo mese due rari modelli carrozzati Zagato: la 750 Coupé e la 850 Record Monza. L’Alfa Romeo Alfa 33 fu l’erede diretta dell’Alfasud. Come quest’ultima, era costruita a Pomigliano d’Arco e aveva il valido quattro cilindri boxer; come l’Alfasud, ha avuto eccellenti versioni sportive, le Quadrifoglio Verde, a cui all’apice dello sviluppo si aggiunse la Permanent, grintosissima a trazione integrale.


SELECT FORMAT:
Instant Access

Available Digital Offers:

Single Digital Back Issue Automobilismo d'Epoca 5 2013
 
$5.99 / issue
This issue and other back issues are not included in a Automobilismo d'Epoca subscription. Subscriptions include the latest regular issue and new issues released during your subscription and start from as little as
Unfortunately this title no longer publishes new issues. You can still buy back issues, or scroll down to view other titles you might be interested in.
View all offers + View more offers + Hide extra offers - Savings are calculated on the comparable purchase of single issues over an annualised subscription period and can vary from advertised amounts. Calculations are for illustration purposes only. Digital subscriptions include the latest issue and all regular issues released during your subscription unless otherwise stated. Your chosen term will automatically renew unless cancelled in the My Account area upto 24 hours before the end of the current subscription.

Issue Cover

Automobilismo d'Epoca  |  Automobilismo d'Epoca 5 2013  


Motore V12 da 4,5 litri e 340 CV, peso sotto la tonnellata, tre esemplari prodotti: la Ferrari berlinetta 340/375, fatta per correre a Le Mans, è una delle auto più estreme di Maranello. Anche più della GTO, nata dieci anni dopo. Qui si parla del 1953, con tutte le implicazioni riguardanti freni e telaio. E l’aerodinamica, che quest’auto cominciò a portare alla ribalta, sia pur, ancora, soltanto in termini di resistenza all’avanzamento. Con tutti quei CV, non poteva essere lenta. Una macchina che ha un significato importante nella storia del Cavallino.
Anche la storia dell’Autodelta è un argomento degno della prima pagina; soprattutto in occasione dei 50 anni dalla fondazione. Ne sono passati trenta dalla chiusura, eppure il marchio da corsa dell’Alfa Romeo è ben impresso ancora oggi nell’immaginario degli appassionati.
Protagonista della guida all’acquisto di maggio è la NSU RO 80, auto molto particolare sotto vari punti di vista. Prima di tutto perché monta un motore Wankel; poi perché vinse il premio di auto dell’anno nel 1968, anno fatidico; infine, perché da quest’auto origina il concetto di tecnica all’avanguardia all’origine delle Audi moderne.
La Maserati Ghibli Spider SS 4.9 si può considerare la summa dei valori automobilistici della Casa: stile magnifico, meccanica sopraffina, carattere morbido e grintoso. Una vera GT, ma scoperta. E anche una rarità, specie nelle condizioni di questo esemplare.
Chi invece faceva della grinta la quasi unica prerogativa era l’Abarth, di cui presentiamo questo mese due rari modelli carrozzati Zagato: la 750 Coupé e la 850 Record Monza.
L’Alfa Romeo Alfa 33 fu l’erede diretta dell’Alfasud. Come quest’ultima, era costruita a Pomigliano d’Arco e aveva il valido quattro cilindri boxer; come l’Alfasud, ha avuto eccellenti versioni sportive, le Quadrifoglio Verde, a cui all’apice dello sviluppo si aggiunse la Permanent, grintosissima a trazione integrale.
read more read less
Nata nel 2003 è già un successo. Il riconoscimento dei maggiori esperti del settore e l’apprezzamento dei lettori hanno convinto la Casa editrice a farlo diventare prima un bimestrale e, a partire dal 2006, un mensile.
Automobilismo d’Epoca oltre ad offrire un’accurata selezione di vetture d’epoca (con ampio spazio alle immagini e agli approfondimenti tecnici) si presenta come un prezioso prontuario con guide all’acquisto, suggerimenti per i restauri, specialisti di riferimento, quotazioni e calendari di appuntamenti per gli appassionati. Il tutto affrontato con uno stile giovane e dinamico, inedito nel settore, e con lo stesso rigore, la competenza e l’autorevolezza di Automobilismo e Motociclismo.
Grazie all’esclusivo e ricchissimo archivio di immagini e articoli della rivista madre Automobilismo, è in grado di realizzare un magazine di altissimo livello con notizie, fotografi e, personaggi, gare storiche e ovviamente auto d’epoca per soddisfare le esigenze sia di neofi ti sia di appassionati più competenti.

As a subscriber you'll receive the following benefits:


•  A discount off the RRP of your magazine
•  Your magazine delivered to your device each month
•  You'll never miss an issue
•  You’re protected from price rises that may happen later in the year

You'll receive 12 issues during a 1 year Automobilismo d'Epoca magazine subscription.

Note: Digital editions do not include the covermount items or supplements you would find with printed copies.

Your purchase here at Pocketmags.com can be read on any of the following platforms.


You can read here on the website or download the app for your platform, just remember to login with your Pocketmags username and password.

Apple Pocketmags Online Pocketmags Google Pocketmags
The Pocketmags app runs on all iPad and iPhone devices running iOS 13.0 or above, Android 5.0 or above and Fire Tablet (Gen 3) or above. Our web-reader works with any HTML5 compatible browser, for PC and Mac we recommend Chrome or Firefox.

For iOS we recommend any device which can run the latest iOS for better performance and stability. Earlier models with lower processor and RAM specifications may experience slower page rendering and occasional app crashes which are outside of our control.
N/A
Based on 0 Customer Reviews
5
0
4
0
3
0
2
0
1
0
View Reviews