Shopping Cart -

Your cart is currently empty.
Continue Shopping
This website use cookies and similar technologies to improve the site and to provide customised content and advertising. By using this site, you agree to this use. To learn more, including how to change your cookie settings, please view our Cookie Policy
Pocketmags Digital Magazines
AU
Pocketmags Digital Magazines
   You are currently viewing the Australia version of the site.
Would you like to switch to your local site?
Digital Subscriptions > Vroom Italia > n. 357 Maggio 2019 > San Pancrazio dove sei inito?

San Pancrazio dove sei inito?

Gli anni trascorsi in kart non posso dire siano stati pochi e sebbene su quei tre cubi numerati, che chiamano podio, ci salii occasionalmente, i ricordi hanno conquistato uno spazio decisamente ampio ed è doveroso specificare quanto ognuno di essi sia strettamente associato alle piste, magici scenari custodi d’emozioni.
a cura di M. Ambiveri

A BORGOTICINO IL MIO PRIMO VAGITO

Emisi il mio primo vagito (o rombo nella fattispecie) girando nella pista Azzurra di Borgoticino, conigurazione 1997. Seppur quel circuito non era dei più blasonati e tecnici, ammetto che ai miei occhi ancora innocenti, appariva l’esatto contrario. Senza cedere a giocosi racconti sulle prime gesta, le prime curve, le staccate sperimentali di un novizio, i fuori pista, le collisioni, eccetera…

Ritengo meriti d’essere citata la sensazione che oggi classiico come irripetibile e che Borgoticino protegge. Trattasi del regalo più bello che potessi desiderare, da questo rude mezzo a quattro ruote e di quattro lettere, che mi travolse lasciandomi addosso una vera dipendenza senza eguali. Sprovvisti di vere tute da pilota e ignari rispetto all’idea che il Kart non sarebbe stato solamente uno svago domenicale, ci presentammo in pista dentro a un paio di tute da meccanico. Dopo due timidi giri, assaggiando accelerazioni e decelerazioni, scossoni e pattinamenti, vibrazioni e sobbalzi (ino a lì qualcosa per me di molto simile a una giostra), giunsi al terzo passaggio un po’ confuso e ripresentandomi sul modesto rettiilo, spinsi inalmente a fondo senza mollare l’acceleratore ino a quando tutta la cavalleria, la coppia e i decibel del mio 100 lamelle non si espressero a pieno.

READ MORE
Purchase options below
Find the complete article and many more in this issue of Vroom Italia - n. 357 Maggio 2019
If you own the issue, Login to read the full article now.
Single Issue - n. 357 Maggio 2019
$2.99
Or 299 points
6 Month Digital Subscription
Only $ 3.08 per issue
$19.99
Or 1999 points
Annual Digital Subscription
Only $ 2.92 per issue
SAVE
2%
$37.99
Or 3799 points

View Issues

About Vroom Italia

In questo numero: Pirro non molla! Il presidente della Commissione Karting vuole proseguire, con l'aiuto dei nuovi membri, sulla strada verso uno sport più accessibile e una classe 60 più "umana" e propedeutica ROK CUP MACHADO RINGRAZIA... BRIGGS CHAMPIONSHIP PARTENZA COL PIEDE GIUSTO LEGEND CRG, UNA STORIA ITALIANA STORIE SAN PANCRAZIO, DOVE SEI FINITO? PRIMO PIANO BRUNO MAZZESCHI, IL SARTO DEI PILOTI ANTEPRIMA CAMPIONATO EUROPEO FIA KARTING KZ E KZ2