Shopping Cart -

Your cart is currently empty.
This website use cookies and similar technologies to improve the site and to provide customised content and advertising. By using this site, you agree to this use. To learn more, including how to change your cookie settings, please view our Cookie Policy
Pocketmags Digital Magazines
AU
Pocketmags Digital Magazines
   You are currently viewing the Australia version of the site.
Would you like to switch to your local site?
Read anywhere Read anywhere
Ways to pay Pocketmags Payment Types
Trusted site
At Pocketmags you get
Secure Billing
Great Offers
Web & App Reader
Gifting Options
Loyalty Points

MAN IN BLACK

Abbiamo intervistato il Patron di CRG a tutto tondo su temi non solo legati alla storia del marchio, ma anche al presente e al futuro del nostro sport.

Intervistare Giancarlo Tinini, titolare della CRG, non signiica soltanto parlare della sua azienda.

Con un uomo della sua esperienza ed entratura nel mondo del kart è possibile discernere le problematiche di questo sport e, ovviamente, capire anche come si evolverà nel prossimo futuro. Tinini, infatti, è un capitano d’industria sui generis. E’ sempre pronto a rimettersi in gioco e, merce rara di questi tempi, a fare un’autocritica costruttiva al ine di garantire lunga vita al karting nazionale e internazionale.

Ci siamo confrontati con lui su temi scottanti, trovandoci in più occasioni in perfetta sintonia con il suo punto di vista, soprattutto riguardo il “malcostume” di mettere ragazzi di 15 anni su monoposto di formula e di considerarli bruciati se dopo 2 anni non hanno colto risultati eclatanti, oppure l’importanza di rilanciare il karting nazionale entry level. Il fatto che Giancarlo Tinini “stia con noi” in questa battaglia ci lascia ben sperare per un futuro più radioso.

Se dovesse classiicare la disciplina del Karting oggi, ritiene che abbia una propria identità tecnica e sportiva o vede questo sport principalmente come propedeutico? Vroom Magazine si pone l’obiettivo di parlare ad un bacino di praticanti il più ampio possibile, ed è in qualche modo evidente che il kart non è più solo ormai “lo sport che praticano i futuri piloti fdi Formula 1”. Che cosa ne pensa uno dei player più importanti del mercato?

Uno dei modi più semplici per spiegare il karting come lo intendiamo noi è l’esempio della “piramide”: alla base c’è l’attività giovanile e promozionale, a seguire quella Nazionale e in cima l’attività internazionale. Purtroppo, oggi, questo schema non è in equilibrio e c’è una concentrazione di sforzi sbilanciati verso la punta di questa piramide, l’attività di vertice, con un progressivo indebolimento dell’attività di base. Nei Campionati FIA e WSK partecipano piloti che, soprattutto nelle classi giovanili, cercano nel più breve tempo possibile la formazione e i successi che li possano proiettare nell’automobilismo. Ma anche alcuni Trofei di Marca nati per sostenere l’attività di base, oggi svolgono meeting Internazionali e richiedono costi che tradiscono gli obiettivi iniziali. Questo vale anche per molti campionati Nazionali dove i numeri sono in caduta libera da anni. E la nostra iliera produttiva non può essere sostenuta solo dai Campionati e gli eventi Internazionali, il karting deve vivere di tutte le fasce di attività e soprattutto deve avere un’attività di base ampia. È una disciplina sportiva per la quale sono vitali i Campionati Nazionali, il settore giovanile e anche l’attività più amatoriale. Il nostro sport deve essere raggiungibile da più appassionati e con un’oferta adeguata possiamo migliore molto la situazione. Per noi è importante essere presenti in modo qualiicato e competitivo nelle gare Internazionali e abbiamo un Racing team e varie partnership con team esterni per farlo al meglio, ma lavoriamo molto anche al ianco dei nostri rivenditori impegnati nei campionati Nazionali, nei Trofei monomarca, in funzione del kart giovanile, dell’attività più amatoriale e ci misuriamo anche nel settore del Rental kart, che rappresenta un bacino di utenza molto importante in termini numerici.

READ MORE
Purchase options below
Find the complete article and many more in this issue of Vroom Italia - n. 358 Giugno 2019
If you own the issue, Login to read the full article now.
Single Issue - n. 358 Giugno 2019
$2.99
Or 299 points

View Issues

About Vroom Italia

In questo numero: Attacco frontale Il Campionato Europeo Fia Karting entra nel vivo e dopo due prove le categorie OK e OKJ palesano una classifica ancora incerta. Nella classe col cambio il francese Abbasse (Sodi/Tm) fa la differenza in KZ, Cunati e Longhi fanno ben sperare in KZ2. MAN IN BLACK Abbiamo intervistato il Patron della CRG Giancarlo Tinini su temi non solo legati alla storia del marchio ma anche al presente e al futuro del nostro sport. KART LEGGENDARI TONY KART ESPRIT SUZUKA 1995 L'OPINIONE IN...VOLT EFFETTO MAX VERSTAPPEN SPAZIO SOCIAL ANTHONY ABBASSE FOCUS IL PARACOSTOLE MIR LEGEND DAP FOREVER CAMPIONATO ITALIANO L'ITALIANO CAMBIA FACCIA