You are currently viewing the European Union version of the site.
Would you like to switch to your local site?
Latest Issue

Motociclismo d'Epoca Magazine Motociclismo d'Epoca 12-2012 Back Issue

Italian
2 Reviews   •  Italian   •   Aviation & Transport (Motorcycles)
In copertina, omaggio al Ciao che resta nel cuore di milioni di italiani. Al mitico ciclomotore della Piaggio, prodotto dal 1967 al 2006 in oltre 3.500.000 esemplari, Motociclismo d’Epoca dedica una completa Guida all’acquisto. E se il Ciao ha rivoluzionato il concetto del ciclomotore tradizionale, all’Aspes va il merito di aver dato vita, nello stesso periodo, ad uno dei più belli ed interessanti fuoristrada di 50 cc. Si tratta del Cross Special, il primo modello che impone il nome della Casa di Gallarate tra i giovani appassionati di Cross e Regolarità. Nato anch’esso nel 1967, originale nella sua singolare carrozzeria in fibra di vetro, monta componentistica di livello, come le sospensioni Ceriani, e il miglior motore del momento, il Minarelli P4 SS. Sviluppato in due versioni, servirà da base per il successivo Navaho che sarà protagonista negli anni Settanta.
Sempre in tema di moto off-road, la storia della Yamaha XT 550 che nei primi anni Ottanta, in pieno boom delle Enduro a 4 tempi, introduce la distribuzione a 4 valvole e la sospensione posteriore con monoammortizzatore.
Tornando indietro nel tempo, altre due moto molto particolari.
La francese Majestic degli anni Venti, innovativa nello stile come nelle soluzioni tecniche, e la tedesca Horex Imperator 400 degli anni Cinquanta, una raffinata bicilindrica parallela, ricca di qualità, ma vittima della crisi che colpì in quel periodo il mercato della moto.
Per la serie “La grande storia” questo mese spicca un ampio dossier sulla nascita e sullo sviluppo dell’industria motociclistica in Italia, a partire dal 1898 fino al 1921.
La sezione sportiva propone invece un servizio dedicato alla Kawasaki 500 con telaio monoscocca sviluppata e portata in gara nei primi anni Settanta dal pilota francese Eric Offenstadt e la biografia di Guido Sala, pilota di spicco della MV Agusta con la 125 e nelle gare di gran fondo, che negli anni Sessanta passò al karting conquistando due titoli mondiali.
read more read less
Motociclismo d'Epoca Preview Pages Motociclismo d'Epoca Preview Pages Motociclismo d'Epoca Preview Pages Motociclismo d'Epoca Preview Pages Motociclismo d'Epoca Preview Pages Motociclismo d'Epoca Preview Pages Motociclismo d'Epoca Preview Pages Motociclismo d'Epoca Preview Pages

Motociclismo d'Epoca

Motociclismo d'Epoca 12-2012 In copertina, omaggio al Ciao che resta nel cuore di milioni di italiani. Al mitico ciclomotore della Piaggio, prodotto dal 1967 al 2006 in oltre 3.500.000 esemplari, Motociclismo d’Epoca dedica una completa Guida all’acquisto. E se il Ciao ha rivoluzionato il concetto del ciclomotore tradizionale, all’Aspes va il merito di aver dato vita, nello stesso periodo, ad uno dei più belli ed interessanti fuoristrada di 50 cc. Si tratta del Cross Special, il primo modello che impone il nome della Casa di Gallarate tra i giovani appassionati di Cross e Regolarità. Nato anch’esso nel 1967, originale nella sua singolare carrozzeria in fibra di vetro, monta componentistica di livello, come le sospensioni Ceriani, e il miglior motore del momento, il Minarelli P4 SS. Sviluppato in due versioni, servirà da base per il successivo Navaho che sarà protagonista negli anni Settanta. Sempre in tema di moto off-road, la storia della Yamaha XT 550 che nei primi anni Ottanta, in pieno boom delle Enduro a 4 tempi, introduce la distribuzione a 4 valvole e la sospensione posteriore con monoammortizzatore. Tornando indietro nel tempo, altre due moto molto particolari. La francese Majestic degli anni Venti, innovativa nello stile come nelle soluzioni tecniche, e la tedesca Horex Imperator 400 degli anni Cinquanta, una raffinata bicilindrica parallela, ricca di qualità, ma vittima della crisi che colpì in quel periodo il mercato della moto. Per la serie “La grande storia” questo mese spicca un ampio dossier sulla nascita e sullo sviluppo dell’industria motociclistica in Italia, a partire dal 1898 fino al 1921. La sezione sportiva propone invece un servizio dedicato alla Kawasaki 500 con telaio monoscocca sviluppata e portata in gara nei primi anni Settanta dal pilota francese Eric Offenstadt e la biografia di Guido Sala, pilota di spicco della MV Agusta con la 125 e nelle gare di gran fondo, che negli anni Sessanta passò al karting conquistando due titoli mondiali.


SELECT FORMAT:
Instant Access

Available Digital Offers:

Single Digital Back Issue Motociclismo d'Epoca 12-2012
 
4,99 / issue
This issue and other back issues are not included in a Motociclismo d'Epoca subscription. Subscriptions include the latest regular issue and new issues released during your subscription and start from as little as
Unfortunately this title no longer publishes new issues. You can still buy back issues, or scroll down to view other titles you might be interested in.
Savings are calculated on the comparable purchase of single issues over an annualised subscription period and can vary from advertised amounts. Calculations are for illustration purposes only. Digital subscriptions include the latest issue and all regular issues released during your subscription unless otherwise stated. Your chosen term will automatically renew unless cancelled in the My Account area upto 24 hours before the end of the current subscription.

Issue Cover

Motociclismo d'Epoca  |  Motociclismo d'Epoca 12-2012  


In copertina, omaggio al Ciao che resta nel cuore di milioni di italiani. Al mitico ciclomotore della Piaggio, prodotto dal 1967 al 2006 in oltre 3.500.000 esemplari, Motociclismo d’Epoca dedica una completa Guida all’acquisto. E se il Ciao ha rivoluzionato il concetto del ciclomotore tradizionale, all’Aspes va il merito di aver dato vita, nello stesso periodo, ad uno dei più belli ed interessanti fuoristrada di 50 cc. Si tratta del Cross Special, il primo modello che impone il nome della Casa di Gallarate tra i giovani appassionati di Cross e Regolarità. Nato anch’esso nel 1967, originale nella sua singolare carrozzeria in fibra di vetro, monta componentistica di livello, come le sospensioni Ceriani, e il miglior motore del momento, il Minarelli P4 SS. Sviluppato in due versioni, servirà da base per il successivo Navaho che sarà protagonista negli anni Settanta.
Sempre in tema di moto off-road, la storia della Yamaha XT 550 che nei primi anni Ottanta, in pieno boom delle Enduro a 4 tempi, introduce la distribuzione a 4 valvole e la sospensione posteriore con monoammortizzatore.
Tornando indietro nel tempo, altre due moto molto particolari.
La francese Majestic degli anni Venti, innovativa nello stile come nelle soluzioni tecniche, e la tedesca Horex Imperator 400 degli anni Cinquanta, una raffinata bicilindrica parallela, ricca di qualità, ma vittima della crisi che colpì in quel periodo il mercato della moto.
Per la serie “La grande storia” questo mese spicca un ampio dossier sulla nascita e sullo sviluppo dell’industria motociclistica in Italia, a partire dal 1898 fino al 1921.
La sezione sportiva propone invece un servizio dedicato alla Kawasaki 500 con telaio monoscocca sviluppata e portata in gara nei primi anni Settanta dal pilota francese Eric Offenstadt e la biografia di Guido Sala, pilota di spicco della MV Agusta con la 125 e nelle gare di gran fondo, che negli anni Sessanta passò al karting conquistando due titoli mondiali.
read more read less
Motociclismo d’Epoca nasce nel 1988 come fascicolo annuale speciale della rivista Motociclismo. Dal 1998 è diventato mensile conquistando la leadership di settore. Motocislimo d’Epoca si occupa di storia, trattando ogni aspetto dell’evoluzione della motocicletta e degli uomini che le hanno create o portate in gara. Ogni argomento è trattato con estrema competenza e rigore, puntando su approfondimenti che non hanno pari su altre riviste di settore. In più, Motociclismo d’Epoca può contare sull’enorme archivio della Edisport dove è raccolto materiale iconografico e documentale sin dal 1914.
Motociclismo d’Epoca, per I suoi ricchi contenuti e l’autorevolezza, è il massimo punto di riferimento per tutti gli appassionati di moto.

As a subscriber you'll receive the following benefits:


•  A discount off the RRP of your magazine
•  Your magazine delivered to your device each month
•  You'll never miss an issue
•  You’re protected from price rises that may happen later in the year

You'll receive 10 issues during a 1 year Motociclismo d'Epoca magazine subscription.

Note: Digital editions do not include the covermount items or supplements you would find with printed copies.

Your purchase here at Pocketmags.com can be read on any of the following platforms.


You can read here on the website or download the app for your platform, just remember to login with your Pocketmags username and password.

Apple Pocketmags Online Pocketmags Google Pocketmags
The Pocketmags app runs on all iPad and iPhone devices running iOS 13.0 or above, Android 8.0 or above and Fire Tablet (Gen 3) or above. Our web-reader works with any HTML5 compatible browser, for PC and Mac we recommend Chrome or Firefox.

For iOS we recommend any device which can run the latest iOS for better performance and stability. Earlier models with lower processor and RAM specifications may experience slower page rendering and occasional app crashes which are outside of our control.
4,5
/5
Based on 2 Customer Reviews
5
1
4
1
3
0
2
0
1
0
View Reviews

Articles in this issue


Below is a selection of articles in Motociclismo d'Epoca Motociclismo d'Epoca 12-2012.