Shopping Cart -

Your cart is currently empty.
This website use cookies and similar technologies to improve the site and to provide customised content and advertising. By using this site, you agree to this use. To learn more, including how to change your cookie settings, please view our Cookie Policy
Pocketmags Digital Magazines
IT
Pocketmags Digital Magazines
   You are currently viewing the Italy version of the site.
Would you like to switch to your local site?
Leggi ovunque Read anywhere
Modalità di pagamento Pocketmags Payment Types
Trusted site
A Pocketmags si ottiene
Fatturazione sicura
Ultime offerte
Web & App Reader
Regali
Loyalty Points

GENK, LA PISTA DEL 125 A MARCE

E’ arrivato il momento più importante per i piloti della KZ: il campionato del Mondo, evento che corona la stagione CIK FIA. Quest’anno la kermesse avrà luogo a Genk nel weekend del 9 settembre. Dal 2013 ad oggi la pista belga è risultata sempre presente nel calendario CIK come tappa dell’Europeo, figurando come location del mondiale per la prima volta nel 2011 (quando vinse Jonathan Thonon con un sorpasso negli ultimi metri su Yannick de Brabander)

ANTEPRIMA MONDIALE KZ A GENK

Il tracciato venne costruito nel 1983 e ottenne l’omologa CIK nel 1987. Nei primi anni l’impianto, ora denominato Karting Genk, si chiamava Horensbergdam. Con una misura di 1360 metri, il circuito è il secondo più lungo della stagione KZ dopo quelli di Salbris e Sarno, ma presenta un tratto guidato più tecnico concentrato nei primi due settori, seguito poi da un intermedio più veloce che conduce al traguardo. Più che altrove il tracciato belga obbliga di coniugare il giusto compromesso tra velocità massima e guidabilità. Non mancano i punti di sorpasso, a tal proposito è opportuno citare la prima staccata, dove è necessario avere la giusta velocità per affiancare l’avversario e poi provare l’approccio all’interno.

Qui risulta fondamentale un anteriore molto preciso per non andare larghi e pregiudicare l’uscita di curva, rischiando così scoprire il fianco e favorire eventuali attacchi dai piloti che seguono. Altra opportunità è offerta dalla terza curva, un tornante a destra che immette sul secondo rettilineo, il più lungo della pista. Lo stesso si può dire della sesta curva, un tornante a sinistra che immette sul terzo tratto della pista, quello veloce.

READ MORE
Purchase options below
Find the complete article and many more in this issue of Vroom Italia - n. 349 Sett 2018
If you own the issue, Login to read the full article now.
Single Issue - n. 349 Sett 2018
€2,29
Or 229 points

View Issues

About Vroom Italia

In questo numero: Finale col brivido Si chiude il sipario sull'Europeo OK e OKJ. Il tedesco Hannes Janker (KR/Parilla) e l'estone Paul Aron (FA Kart/Vortex) sono i vincitori annunciati, ma nell'ultima prova in Francia hanno vissuto un finale da brivido rischiando la beffa. Racing EUROPEO CIK FIA OK-OKJ CAMPIONATO ITALIANO ROK CUP / EASYKART / ROTAX TECNICA - IL SISTEMA DI SCARICO NEI MOTORI 2 TEMPI AD ALTE PRESTAZIONI - WATER TEST 3 SPECIALE IL SIMULATORE ANTEPRIMA MONDIALE KZ VINTAGE ALA KART