Shopping Cart -

Your cart is currently empty.
This website use cookies and similar technologies to improve the site and to provide customised content and advertising. By using this site, you agree to this use. To learn more, including how to change your cookie settings, please view our Cookie Policy
Pocketmags Digital Magazines
IT
Pocketmags Digital Magazines
   You are currently viewing the Italy version of the site.
Would you like to switch to your local site?
Leggi ovunque Read anywhere
Modalità di pagamento Pocketmags Payment Types
Trusted site
A Pocketmags si ottiene
Fatturazione sicura
Ultime offerte
Web & App Reader
Regali
Loyalty Points

Lammers risuscita

L’olandese della Sodi domina la prima prova in KZ2 e si rende protagonista di una inale mozzaiato a Sarno. Ora si attende la conferma all’europeo Fia. Dexter Patterson (OK), Andrea Kimi Antonelli (OKJ) e Rashid Al Dhaheri (60 Mini) gli altri vincitori della Serie.
La partenza della KZ2 con Marco Ardigò (151) e Bas Lammers (145) davanti a tutti
FOTO: PRESS.NET IMAGES, M. PULEDDA, E. BRIGATTI

CRONACA DELLE GARE

KZ2 LAMMERS È TORNATO

Nella classe regina domina come sempre lo spettacolo, grazie anche al calendario ristretto a due tappe (Lonato e Sarno) e all’elevato numero di iscritti. Entrambe le tappe targate Super Master Series, sono valse come antipasto dell’attesa stagione FIA ormai alle porte. Le due piste saranno infatti teatro delle battaglie per il titolo Europeo e Mondiale nei prossimi mesi. Se il buongiorno si vede dal mattino Sodi Kart può tirare un sospiro di sollievo e sognare in grande per le prossime gare. Due vittorie su due tappe sono valse alla casa francese il ruolo di favorita in KZ2, con Renaudin vincente a Lonato e Lammers a Sarno. Chi festeggia più di tutti è sicuramente Bas Lammers, tornato in auge dopo un 2018 diicile. L’olandese ha saputo imporsi già nel pri- mo ine settimana di Lonato dominando manche e preinale, demordendo soltanto nella gara decisiva a favore del compagno di team. Un secondo posto che ad ogni modo proietta l’olandese in cima alla classiica, arrivando a Sarno come il favorito per la conquista del trofeo. Sul tracciato campano Lammers vive un weekend a due facce: fatica in qualiica e nelle tre manche a disposizione, mentre la domenica delle inali l’aliere Sodi si rende protagonista di ben quattro sorpassi fondamentali per aggiudicarsi la preinale e dulcis in fundo attuando la mossa vincente ai danni di Ardigò nel corso della inale. Un successo che lascia intendere che per il prossimo europeo FIA Bas Lammers è accreditato tra i papabili alla vittoria inale. Al secondo posto della generale si classiica il francese Adrien Renaudin, già Campione Europeo KZ2 nel 2018 e, come detto, trionfatore a Lonato. Il transalpino non deve certo dimostrare nulla, le sue capacità sono note e anche lui sarà della partita per i prossimi appuntamenti Fia. Medaglia di bronzo a Marco Ardigò, già vincitore nel corso della passata stagione e ancora protagonista della serie WSK. Pur saltando la prima gara di Lonato, il bresciano ha risposto presente alla resa dei conti, riuscendo a totalizzare i punti necessari per chiudere sul podio generale. Ardigò ha dimostrato di essere già in forma per la lotta al titolo Europeo, mettendo insieme un secondo posto in qualiica, due vittorie sue tre manche, il successo nella preinale e il secondo posto nella gara decisiva. Dati alla mano, l’aliere della Tony Kart è di nuovo pronto per dire la sua nella competizione continentale Chiudono la top ive Marjn Kremers e Matteo Viganò, rispettivamente al quarto e quinto posto. Il driver Birel Art, terzo a Lonato, entra di diritto tra i favoriti per il successo con i colori della “Red Army”, Viganò prosegue invece il suo avvicinamento alla stagione KZ, grazie anche all’ottimo terzo posto di Sarno.

READ MORE
Purchase options below
Find the complete article and many more in this issue of Vroom Italia - n. 357 Maggio 2019
If you own the issue, Login to read the full article now.
Single Issue - n. 357 Maggio 2019
€2,29
Or 229 points

View Issues

About Vroom Italia

In questo numero: Pirro non molla! Il presidente della Commissione Karting vuole proseguire, con l'aiuto dei nuovi membri, sulla strada verso uno sport più accessibile e una classe 60 più "umana" e propedeutica ROK CUP MACHADO RINGRAZIA... BRIGGS CHAMPIONSHIP PARTENZA COL PIEDE GIUSTO LEGEND CRG, UNA STORIA ITALIANA STORIE SAN PANCRAZIO, DOVE SEI FINITO? PRIMO PIANO BRUNO MAZZESCHI, IL SARTO DEI PILOTI ANTEPRIMA CAMPIONATO EUROPEO FIA KARTING KZ E KZ2