Shopping Cart -

Your cart is currently empty.
This website use cookies and similar technologies to improve the site and to provide customised content and advertising. By using this site, you agree to this use. To learn more, including how to change your cookie settings, please view our Cookie Policy
Pocketmags Digital Magazines
IT
Pocketmags Digital Magazines
   You are currently viewing the Italy version of the site.
Would you like to switch to your local site?
Leggi ovunque Read anywhere
Modalità di pagamento Pocketmags Payment Types
Trusted site
A Pocketmags si ottiene
Fatturazione sicura
Ultime offerte
Web & App Reader
Regali
Loyalty Points

Very Normal Tester

Paracostole MIR PRO-TOR EIP

L’infortunio alle costole costituisce ahimè uno dei problemi più antipatici per il kartista, che si tratti di un professionista in lotta per il Mondiale costretto a saltare due gare o del padre di famiglia che si cimenta nel Rental. Questo perché la frattura di una ‘costa’ (è il suo nome corretto, anche se la conosciamo meglio come la ‘costola’, di biblica memoria :) è un infortunio di mediagrave entità e talvolta è associata a lesioni secondarie (quando la costa si spezza in più parti) come emorragie ed eventuali danni a organi interni – pneumotorace, lesioni dei visceri addominali e milza in primis. La semplice incrinatura costale, meno traumatica, può comunque causare forte dolore, fastidio nella respirazione e durante il sonno. Non è dificile immaginare quindi che in molti casi, a seguito di questo tipo di infortuni – soprattutto per piloti non professionisti -si tratti di uno stop deinitivo con il karting, in particolare quando si è superata una certa età.

Per questo motivo abbiamo pensato a un test in pista che coinvolgesse proprio loro, gli amatori che hanno il desiderio di continuare a divertirsi e che per ragioni di età, forma isica o stazza sentono la necessità di doversi proteggere in maniera adeguata. Nell’occasione abbiamo testato il paracostole PRO-TOR EIP della Mir, già noto a molti per le sue caratteristiche e materiali, che qui di seguito approfondiremo. Lo abbiamo fatto usando come tester piloti “normali”, ovvero un range di piloti amatoriali, agonisti e non, che rappresenta al meglio la base del nostro sport.

READ MORE
Purchase options below
Find the complete article and many more in this issue of Vroom Italia - n. 358 Giugno 2019
If you own the issue, Login to read the full article now.
Single Issue - n. 358 Giugno 2019
€2,29
Or 229 points

View Issues

About Vroom Italia

In questo numero: Attacco frontale Il Campionato Europeo Fia Karting entra nel vivo e dopo due prove le categorie OK e OKJ palesano una classifica ancora incerta. Nella classe col cambio il francese Abbasse (Sodi/Tm) fa la differenza in KZ, Cunati e Longhi fanno ben sperare in KZ2. MAN IN BLACK Abbiamo intervistato il Patron della CRG Giancarlo Tinini su temi non solo legati alla storia del marchio ma anche al presente e al futuro del nostro sport. KART LEGGENDARI TONY KART ESPRIT SUZUKA 1995 L'OPINIONE IN...VOLT EFFETTO MAX VERSTAPPEN SPAZIO SOCIAL ANTHONY ABBASSE FOCUS IL PARACOSTOLE MIR LEGEND DAP FOREVER CAMPIONATO ITALIANO L'ITALIANO CAMBIA FACCIA