Shopping Cart -

Your cart is currently empty.
This website use cookies and similar technologies to improve the site and to provide customised content and advertising. By using this site, you agree to this use. To learn more, including how to change your cookie settings, please view our Cookie Policy
Pocketmags Digital Magazines
IT
Pocketmags Digital Magazines
   You are currently viewing the Italy version of the site.
Would you like to switch to your local site?
Leggi ovunque Read anywhere
Modalità di pagamento Pocketmags Payment Types
Trusted site
A Pocketmags si ottiene
Fatturazione sicura
Ultime offerte
Web & App Reader
Regali
Loyalty Points

Flexo Karts

La Flexo Products Company si trovava al 5180 di Venice Boulevard, a Los Angeles, ed era principalmente un rivenditore all’ingrosso. I titolari erano i fratelli Jack e Irv Levy, che sarebbero stati descritti come imprenditori, se una parola del genere fosse stata in uso durante gli anni cinquanta.

Già nel 1959 la Flexo faceva pubblicità su riviste come Quarter Midget World e Rod & Custom. Entrambe le riviste pubblicarono articoli su quello che allora si chiamava go-karting e Flexo pubblicizzò un kit di parti per consentire agli amanti del “fai da te” di costruire un kart in casa. Il kit era costituito da 6 tubi precurvati da 25 mm (1 pollice) per realizzare i longheroni del telaio, il tubo anteriore e il tubo posteriore, più il supporto del sedile e dello sterzo. I fuselli anteriori potevano essere acquistati dalla Flexo, così come il piantone dello sterzo e il volante. Articoli come il serbatoio del carburante, i pedali e le ruote erano disponibili da molti rivenditori aftermarket come Azusa Engineering o Palmini Engineering. Flexo iniziò da uno stock di 8000 motori commissionati alla McCulloch, rinominati West Bend 750, inizialmente destinati a delle motofalciatrici e poi richiamati nel 1957 per una serie di problemi per poi essere convertiti per il karting. Pare che Flexo comprò quello stock di motori ad un prezzo stracciato. A quei tempi alla Flexo ancora non erano sicuri se scrivere kart con la “c” o con la “k” nelle loro pubblicità ma, nonostante ciò, quello stock di motori fu velocemente smaltito nell’ambito del mercato kartistico americano, allora in grande espansione. Uno dei primi kart Flexo ancora esistente è di proprietà di Nils ‘Gus’ Gustafson, il ragazzo dei pneumatici Speed Vintage. Gus costruì questo kart da adolescente, nel 1959. A quel tempo molte riviste di hot rod stavano iniziando ad interessarsi al fenomeno karting e, su una di queste, in 3 o 4 numeri veniva spiegato in dettaglio come costruire un kart da un kit di montaggio come quello studiato dalla Flexo per sbarazzarsi dei suoi 8000 motori da falciatrice. Gus migliorò il kart Flexo issando i paraurti anteriore e posteriore, che aveva cromato, con dei bulloni invece che con la saldatura. Il paraurti anteriore che Gus montò sul suo telaio assicurava un ulteriore spazio per le gambe, visto che permetteva di posizionare i tiranti di sterzo dietro l’assale anteriore: una disposizione indicata come “sterzo posteriore”. Usò poi un motore di derivazione motosega McCulloch MC99 e un freno a tamburo per moto opportunamente adattato. Come serbatoio fu utilizzato quello di recupero dei vapori della benzina di un vecchio dragster, posizionato sulla pianalina proprio sotto lo sterzo. Migliorò la posizione di guida del suo kart modiicando il sedile con due tubi curvi saldati ai lati del sedile per garantire una migliore tenuta laterale, che riprendevano esteticamente le curve dei paraurti donando una linea bellissima al kart. Il sedile fu poi rivestito con una elegante tappezzeria impunturata a rombi. La Go-Kart Manufacturing Company di Azusa, una città all’interno del più grande agglomerato urbano di Los Angeles, fu una delle prime aziende a produrre in serie kart e portò Lynn Wineland, ex direttore della rivista Rod & Custom, a divulgare il nome “go-kart” per queste macchinine da corsa senza carrozzeria. La Go-Kart fu fondata nel 1957 ed è stata, anche se per poco tempo, leader di questa nuova disciplina del motorsport, che sarebbe diventata nota in tutto il mondo come karting.

READ MORE
Purchase options below
Find the complete article and many more in this issue of Vroom Italia - n. 359 Luglio 2019
If you own the issue, Login to read the full article now.
Single Issue - n. 359 Luglio 2019
€2,29
Or 229 points

View Issues

About Vroom Italia

In questo numero: Esito Beffardo L’epilogo dell’Europeo della classe regina della 125 a marce a Sarno è risultato a dir poco rocambolesco. Abbasse, Viganò e Irlando sbattono e il titolo della KZ finisce tra le mani di Jorrit Pex che precede di un solo punto Camplese, vincitore della finale. RACING CAMPIONATO EUROPEO FIA KARTING KZ-KZ2 CAMPIONATO EUROPEO FIA KARTING OK-OKJ CAMPIONATO ITALIANO ROK CUP PRIMO PIANO CATEGORIE OK NAZIONALI L'OPINIONE... IN VOLT IL RISPARMIO VA PONDERATO SPAZIO SOCIAL ALESSANDRO MANETTI LEGEND Flexo Karts OFFICINA IL RAFFREDDAMENTO NEL MOTORE 2 TEMPI VINTAGE VIII ASI GO KART SHOW