Shopping Cart -

Your cart is currently empty.
Continue Shopping
This website use cookies and similar technologies to improve the site and to provide customised content and advertising. By using this site, you agree to this use. To learn more, including how to change your cookie settings, please view our Cookie Policy
Pocketmags Digital Magazines
US
Pocketmags Digital Magazines

Il kart col diapason

La Yamaha entrò nel mondo del kart con una serie di mezzi destinati a gare club. Ecco la loro storia.
Esemplare restaurato di Yamaha RC 100S 1977 in alto, Yamaha RC 100SE 1980 al centro e Yamaha RC 100S 1978 in basso.
Foto: Adam Wigginton
L’immacolato Yamaha RC 100S del 1977 di Scott Wigginton
Foto: Adam Wigginton
Il supporto sedile curvo saldato e la pompa dei freni motociclistica del RC 100 SE
Foto: Enzo Falconi Collection
Un RC 100SE con il supporto sedile vicino al cuscinetto dell’assale.
Foto: Enzo Falconi Collection

Nel 1974 la Yamaha Motor Corporation lanciò nel panorama kartistico internazionale un kart completo, esteticamente molto piacevole.

C’è comunque da ricordare che l’ingresso di Yamaha nel karting iniziò venticinque anni prima, verso la ine del 1959. A quel tempo il karting stava invadendo l’America. Il signor Murakami della iliale di Los Angeles della Yamaha International Industries tornò in Giappone per discutere della possibilità di produrre un motore per kart utilizzando l’unità dello scooter 175cc Yamaha come punto di partenza. Il modello YX-33, così fu denominato, non era comunque in grado di eguagliare i tempi sul giro dei kart con doppio motore McCulloch MC10 che erano a quei tempi il punto di riferimento. Nonostante uno consistente sforzo da parte della Yamaha, che migliorò comunque le prestazioni del proprio motore derivato scooter, il YX-33 non riuscì mai a battere i kart con due McCulloch in quella che allora era conosciuta come la classe B. Nel 1974 fu invece introdotto un kart completo Yamaha, denominato RC 100M e commercializzato come “Red Arrow”. Yamaha adottò una politica commerciale secondo la quale anche un neoita potesse entrare in una concessionaria, acquistare un kart ed andare in pista senza dificoltà e senza dover impazzire con l’assemblaggio e la messa a punto. Un principiante, secondo la ilosoia della Casa giapponese, non sarebbe dovuto impazzire per scoprire quale motore utilizzare, con quale telaio, come effettuare la messa a punto, quale tipo di cerchi e addirittura che tipo di catena scegliere.

READ MORE
Purchase options below
Find the complete article and many more in this issue of Vroom Italia - n. 356 Aprile 2019
If you own the issue, Login to read the full article now.
Single Issue - n. 356 Aprile 2019
$1.99
Or 199 points
6 Month Digital Subscription
Only $ 2.00 per issue
$12.99
Or 1299 points
Annual Digital Subscription
Only $ 1.85 per issue
SAVE
7%
$23.99
Or 2399 points

View Issues

About Vroom Italia

In questo numero: OK, SI PARTE Il 21 Aprile ad Angerville (F) prenderà il via la kermesse Continentale Cik Fia. Anteprima sul campionato con le interviste ai protagonisti. Chi riuscirà a contrastare il campione del mondo Lorenzo Travisanutto? IN ALLEGATO LA CARTOLINA PIÙ VOTATA DAL WEB CRG, NON SOLO GARE A TU PER TU CON MARCO ANGELETTI ROK CUP ITALIA INTERVISTA A RICCARDO IMPERIO GIRLS ON TRACK LE RAGAZZE TERRIBILI RMC ITALIA AL CENTRO DEL MONDO I LOVE KART TONY KART 100 II CATEGORIA 1972 FOCUS RISCALDATORE NEW LINE PROTEZIONE CERCHI AMV OXiTHECH Kart leggendari Italcorse IT9 e Yamaha rc 100 s